Un nuovo studio mostra che un’eruzione vulcanica a Tonga potrebbe causare condizioni meteorologiche insolite per il resto del decennio

Il vulcano Honga Tonga – Honga Haapai (abbreviato Honga Tonga) è eruttato il 15 gennaio 2022 nel Regno di Tonga nel Pacifico. Ha creato uno tsunami, innescando allarmi In tutto il bacino del PacificoHa inviato onde sonore in tutto il mondo più volte.

Pubblicato un nuovo studio Nella rivista sul clima Esplora gli impatti climatici di questa eruzione.

I nostri risultati mostrano che il vulcanismo potrebbe spiegare il buco dell’ozono estremamente grande dello scorso anno, così come l’estate del 2024 molto più piovosa del previsto.

L’eruzione potrebbe avere effetti persistenti sul nostro clima invernale per gli anni a venire.

Una fredda nuvola di fumo

Normalmente, il fumo del vulcano, in particolare il biossido di zolfo contenuto nella nuvola di fumo, alla fine raffredda la superficie terrestre per un breve periodo.

Questo perché l’anidride solforosa si trasforma in aerosol di solfato, che rimandano la luce solare nello spazio prima che raggiunga la superficie. Questo effetto d’ombra fa sì che la superficie si raffreddi per un periodo di tempo, finché i solfati ritornano in superficie o finché non piove.

Questo non è quello che è successo a Honga Tonga.

Poiché era un vulcano sottomarino, Hunga Tonga produceva poco fumo, ma molto vapore acqueo: 100-150 milioni di tonnellate, ovvero 100-150 milioni di tonnellate. L’equivalente di 60.000 piscine olimpioniche. Il tremendo calore dell’eruzione ha trasformato enormi quantità di acqua di mare in vapore, che è stato poi lanciato nell’atmosfera dalla forza dell’eruzione.

Animazione dell’eruzione Honga-Tonga registrata il 15 gennaio 2022 dal satellite meteorologico giapponese Himawari-8. Il pennacchio è largo poco meno di 500 km.
Agenzia meteorologica giapponese, CC di

Tutta quell’acqua è finita nella stratosfera: uno strato dell’atmosfera situato dai 15 ai 40 chilometri sopra la superficie che non produce né nuvole né pioggia perché troppo secco.

READ  Resti del "più grande pterosauro giurassico del mondo" scoperti in Scozia | dinosauri

Il vapore acqueo nella stratosfera ha due effetti principali. In primo luogo, contribuisce alle reazioni chimiche che distruggono lo strato di ozono e, in secondo luogo, è un gas serra molto potente.

Non esiste alcun precedente nel monitoraggio delle eruzioni vulcaniche per sapere cosa farà tutta quell’acqua al nostro clima e per quanto tempo. Questo perché l’unico modo per misurare il vapore acqueo nell’intera stratosfera è tramite satellite. Esistono solo dal 1979 e in quel periodo non si è verificata alcuna eruzione simile a quella dell’Hunga Tonga.

Segui il vapore

Gli esperti di scienza della stratosferica di tutto il mondo hanno iniziato a esaminare le osservazioni satellitari dal primo giorno dell’eruzione. Alcuni studi si sono concentrati sugli effetti tradizionali delle eruzioni vulcaniche, come la quantità di aerosol di solfati La loro evoluzione dopo l’esplosionealcuni si sono concentrati su Possibili effetti del vapore acqueoE Alcuni includevano entrambi.

Ma nessuno sapeva veramente come si sarebbe comportato il vapore acqueo nella stratosfera. Quanto tempo rimarrà nella stratosfera? Dove andrai? Ancora più importante, cosa significa questo per il clima mentre il vapore acqueo è ancora presente?

Queste erano esattamente le domande a cui ci proponevamo di rispondere.

Volevamo conoscere il futuro e purtroppo è impossibile misurarlo. Ecco perché ci rivolgiamo a modelli climatici appositamente progettati per guardare al futuro.

Abbiamo eseguito due simulazioni utilizzando lo stesso modello climatico. In uno, abbiamo ipotizzato che non vi fosse alcuna eruzione vulcanica, mentre nell’altro abbiamo aggiunto manualmente nella stratosfera l’equivalente di 60.000 piscine olimpiche di vapore acqueo. Successivamente, abbiamo confrontato le due simulazioni, sapendo che eventuali differenze dovevano essere dovute al vapore acqueo aggiunto.

READ  Un catalizzatore completamente nuovo ed economico che accelera la produzione di ossigeno dall'acqua
Vista dall'alto della Terra con una curva chiaramente visibile e un pennacchio grigio-marrone che copre la maggior parte della superficie visibile.
Il pennacchio di cenere dell’eruzione di Honga Tonga in una foto scattata da un astronauta il 16 gennaio 2022 dalla Stazione Spaziale Internazionale.
NASA

Cosa troviamo?

IL Il grande buco dell’ozono Da agosto a dicembre 2023, ciò è stato dovuto almeno in parte a Honga Tonga. Le nostre simulazioni prevedevano il buco dell’ozono con circa due anni di anticipo.

In particolare, questo è stato l’unico anno in cui ci aspettavamo un impatto dell’eruzione vulcanica sul buco dell’ozono. A quel punto, il vapore acqueo avrà avuto abbastanza tempo per raggiungere la stratosfera polare sopra l’Antartide, e negli anni successivi non ci sarà abbastanza vapore acqueo per espandere il buco dell’ozono.

Il buco dell’ozono è continuato fino a fine dicembre, e con esso è arrivata una fase positiva di… Posizione anulare meridionale Durante l’estate del 2024. Per l’Australia, ciò significava una maggiore probabilità di un’estate piovosa, che era esattamente l’opposto di ciò che la maggior parte delle persone si aspettava con il dichiarato El Niño. Ancora una volta, il nostro modello lo aveva previsto due anni fa.

In termini di temperature medie globali, una misura della portata del cambiamento climatico che stiamo vivendo, l’effetto di Honga Tonga è molto piccolo, solo circa 0,015 gradi Celsius. (Ciò è stato confermato in precedenza in modo indipendente Un altro studio.) Ciò significa che le temperature incredibilmente elevate che abbiamo misurato per quasi un anno non possono essere attribuite all’eruzione dell’Honda Tonga.

Interruzione per il resto del decennio

Ma ci sono degli effetti sorprendenti e duraturi in alcune zone del pianeta.

Per la metà settentrionale dell’Australia, il nostro modello prevede inverni più freddi e umidi del normale fino al 2029 circa. Per il Nord America, il nostro modello prevede inverni più caldi del normale, mentre per la Scandinavia prevede ancora inverni più freddi del normale.

READ  Justin Klontz, un giardiniere della Carolina del Nord, ha scoperto un misterioso detrito spaziale lungo un sentiero vicino al Glamping Collective.

Il vulcano sembra cambiare il modo in cui alcune onde viaggiano attraverso l’atmosfera. E Onde atmosferiche Sono responsabili degli alti e bassi, che influenzano direttamente il nostro tempo.

È importante qui chiarire che questo è solo uno studio e un modo particolare di indagare l’impatto che l’eruzione del vulcano Hunga Tonga potrebbe avere sul tempo e sul clima. Come ogni altro modello climatico, il nostro non è perfetto.

Inoltre non abbiamo incluso altre influenze, come il ciclo El Niño-La Niña. Ma speriamo che il nostro studio susciti interesse scientifico nel tentativo di capire cosa potrebbe significare questa grande quantità di vapore acqueo nella stratosfera per il nostro clima.

Resta da vedere se i nostri risultati saranno confermati o contraddetti e accogliamo con favore entrambi i risultati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto