Westminster Dog Show 2024: Sage, un barboncino nano, vince il primo premio

NEW YORK (AP) – In una mossa finale, la decisione è stata saggia.

Un cagnolino di nome Sage ha vinto il primo premio martedì sera Esposizione canina al Westminster Kennel Club, mentre l’allenatore veterano Kaz Hosaka ha detto che sarebbe stata la sua ultima volta nell’evento cinofilo più prestigioso degli Stati Uniti. Dopo 45 anni di competizioni e due piazzamenti ai vertici delle esposizioni canine, ha intenzione di ritirarsi.

Sage ha ottenuto l’undicesima vittoria per barboncini di varie dimensioni a Westminster. Solo i wire fox terrier hanno vinto di più. L’ultimo giovane cane a vincere il trofeo è stato Spice con Hosaka nel 2002.

“Non ci sono parole”, ha detto sul ring per descrivere la sua reazione alla vittoria di Sage prima di offrirne alcune: “Molto felice, emozionante”.

Hosaka ha aggiunto di aver camminato sul ring con agilità e orgoglio e “ha fatto una grande prestazione per me”.

Sage ha battuto altri sei finalisti portandosi a casa il migliore dello spettacolo. Il secondo posto è andato a Mercedes, un pastore tedesco il cui allenatore, Kent Boyles, aveva già allevato un vincitore del best-in-show.

Altri sono stati inclusi nel round finale Cometa, Shih Tzu che ha vinto il Grand National Championship dell’American Kennel Club lo scorso anno; Monty, uno schnauzer gigante che è arrivato a Westminster come il cane più classificato nel paese ed è stato finalista a Westminster l’anno scorso; Louis, un levriero afgano; Micah, lo spaniel nero; e Frankie, il colorato bull terrier.

Mentre Sage faceva il giro del ring, un manifestante che portava un cartello che invitava le persone a “boicottare gli allevatori” ha tentato di scavalcare ed è stato rapidamente intercettato dal personale di sicurezza. La polizia e il gruppo per i diritti degli animali PETA hanno detto che tre manifestanti sono stati arrestati. Le tariffe non sono state ancora determinate.

READ  James Harden afferma che non vaccinare Kyrie Irving ha avuto un ruolo "pochissimo" nel volere uno scambio per i 76ers

In un evento in cui tutti i concorrenti sono campioni nel sistema di punti dell’esposizione canina, la vittoria può dipendere dai dettagli accurati e dalle virate eccezionali presso l’USTA Billie Jean King National Tennis Center, sede degli US Open Tennis Championships.

Il giudice Rosalind Kramer ha detto che la formazione finale è stata “eccellente e meravigliosa”.

Per la manager e comproprietaria di Monty, Katie Bernardin, “essere sul ring con tutti è un grande onore”.

“Tutti noi amiamo i nostri cani. È un cane stallone”, ha detto sul ring dopo la vittoria in semifinale di Monty. “È forte, potente e ‘molto energico’”. Ha detto sul ring dopo la vittoria in semifinale di Monty.

Era così energica che quando Bernardine era incinta, praticava l’obbedienza e altri sport per cani con Monty perché aveva bisogno di stimoli.

I cani competono prima con altre razze. Il vincitore di ogni razza gareggia poi con gli altri del suo “gruppo”. Le vincenti dei sette gironi si incontreranno nella fase finale.

Il vincitore del Best in Show riceve un trofeo e un posto nella storia del mondo cinofilo, ma non è previsto alcun premio in denaro.

Oltre ai vincitori c’erano altri cani che colpivano la folla. UN Lagotto Romagnolo Harry di nome Harry si è guadagnato una risatina dal pubblico dello stadio sedendosi e implorando un regalo dal suo conduttore, e un Vizsla di nome Fletcher ha incantato gli spettatori saltando sul suo conduttore dopo aver finito di girare sul ring.

Ci sono stati grandi applausi anche per i giocosi Grandi Pirenei di nome Sebastian e per il Doberman pinscher di nome Emilio.

READ  Kawhi Leonard dei Clippers dice che il ginocchio "non ha risposto" come sperato; La situazione è nell'aria

Un altro cane che ha gareggiato senza successo per un posto in finale è stato Stash, un Sealyham terrier. Ha vinto la mostra canina televisiva a livello nazionale il giorno del Ringraziamento e ha vinto il primo premio a una grande mostra canina in Pennsylvania lo scorso autunno.

Stache mette in mostra una razza rara considerata in via di estinzione anche nella sua nativa Gran Bretagna.

“È un tesoro sconosciuto”, ha detto la comproprietaria e co-allevatrice di Staci, Margery Judd, di Cochranville, Pennsylvania, che alleva Cialis da mezzo secolo. Originariamente sviluppati in Galles per cacciare tassi e altri animali da scavo, i terrier con i capelli che cadono sugli occhi sono coraggiosi ma comici: Judd li chiama “prosciutto sciocco”.

Westminster può sembrare uno studio sulle contraddizioni canine. Semplicemente camminando, un visitatore può vedere un Chihuahua che sbircia da una custodia su un tarchiato mastino napoletano, un anello pieno di golden retriever color miele accanto a un gruppo di schnauzer giganti neri, addestratori con cani molto più grandi di loro.

Shane Gichetti era uno di questi. Ralphie, l’alano da 34 kg che possiede, la supera di gran lunga. Ci vuole molta esperienza per mostrare un animale di queste dimensioni, ma “se hai un rapporto con il tuo cane e sei d’accordo con esso, funzionerà”, ha detto.

Inoltre Ralphie, nonostante le sue grandi dimensioni, è “molto tranquillo”, ha detto Gichetti. È gioviale nella sua casa a Staten Island, New York, ed è splendente – proprio come il suo cappotto con fantasia da clown – quando è il momento di salire sul ring.

READ  Fonte Associated Press: La Russia non ospiterà più la finale di Champions League

“È solo un cane onesto”, ha detto Gichetti.

Il Westminster Show, che risale al 1877, si concentra sul tradizionale giudizio dei purosangue che porta al premio Best in Show. Ma negli ultimi dieci anni, il club ha aggiunto eventi di agility e obedience aperti ai cani di razza mista.

Quest’anno è stata conteggiata la gara di agilità Primo vincitore senza pedigreeun mix di Border Collie Papillon chiamato Nimble.

Kramer, il miglior giudice dello show, si è assicurato di ringraziare “ogni cane, che si tratti di un cane domestico o di un cane da esposizione.

“Perché rendi le nostre vite complete.”

___

Ha contribuito la fotografa dell’Associated Press Julia Nickinson.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto