17 ore per scoprire l’incidente che ha ucciso Ebrahim Raisi, il presidente iraniano

Poco prima di imbarcarsi su un volo mortale in elicottero domenica, il presidente iraniano Ebrahim Raisi e la sua delegazione di alti funzionari hanno tenuto una preghiera di gruppo. Qualcuno ha suggerito di pranzare, ma il presidente si è opposto, dicendo che aveva fretta di raggiungere la sua prossima destinazione.

Il signor Raisi salì sull’aereo e si sedette vicino al finestrino. Il ministro degli Esteri Hossein Amir Abdullahian si è fermato per scattare una foto con una folla di persone radunate sulla passerella. Lui sorrise e si mise una mano sul petto mentre nell’altra teneva una borsa marrone.

Verso l’una del pomeriggio, un convoglio di tre persone Gli elicotteri sono decollati Dall’eliporto al confine tra Iran e Azerbaigian, con al centro l’aereo del presidente. Ma dopo circa mezz’ora di volo, l’elicottero del presidente è scomparso.

Le telefonate ai passeggeri a bordo dell’elicottero del presidente sono state accolte nel silenzio finché qualcuno non ha risposto. “Non so cosa sia successo”, ha detto l’ayatollah Muhammad Ali Al-Hashem, con aria sbalordita. “Non sono così bravo.” Due ore dopo, anche il suo telefono ha smesso di funzionare.

All’inizio di una frenetica ricerca durata 17 ore, i funzionari governativi hanno avviato sforzi disperati per proteggersi da potenziali minacce provenienti dall’estero, in particolare disordini interni, tenendo conto della rivolta guidata da donne e ragazze nel 2022 che chiedeva la fine della Repubblica islamica.

Mentre il leader supremo della Repubblica islamica, l’ayatollah Ali Khamenei, rassicurava gli iraniani alla televisione nazionale che non c’era bisogno di temere alcun disturbo alla sicurezza del paese, i funzionari si davano da fare. L’Iran ha messo le sue forze armate in massima allerta, temendo che nemici come Israele o ISIS effettuino attacchi segreti. Ha diretto la copertura mediatica dell’incidente, controllato il flusso di informazioni e proibito qualsiasi riferimento alla morte del presidente. Il governo ha schierato agenti di sicurezza in borghese nelle strade di Teheran e di altre grandi città per prevenire proteste antigovernative o celebrazioni per la morte di Raisi, e unità di sicurezza informatica della polizia e del Ministero dell’intelligence hanno monitorato i post dei social media iraniani.

Questo resoconto di quanto accaduto nelle ore successive all’incidente è stato messo insieme dai resoconti degli alti funzionari iraniani che viaggiavano con il presidente; Servizi e video della televisione di Stato; Dichiarazioni del governo; Report e riprese video open source; Cinque funzionari iraniani, tra cui due membri del Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica; tre diplomatici iraniani; ex vicepresidente; Molti giornalisti iraniani; Un fotografo era presente nel centro di gestione delle crisi vicino al luogo dell’incidente e ha partecipato alle ricerche.

A bordo dell’elicottero che trasportava Raisi e Amir Abdollahian c’erano il Ministro degli Affari Esteri, Al-Hashem, che era l’imam della preghiera del venerdì nella città settentrionale di Tabriz; Malek Rahmati, governatore della provincia dell’Azerbaigian orientale; e il generale Seyyed Mehdi Mousavi dell’unità Ansar della Guardia rivoluzionaria, l’equivalente iraniano dei servizi segreti, che era a capo della sicurezza presidenziale. Gli elicotteri seguirono la traiettoria di volo pianificata, ma poco dopo il decollo incontrarono una fitta nebbia in una valle di montagne verdi e ondulate.

Il ministro dei trasporti Mehrdad Bazarbash e Gholam Hossein Esmaili Il capo dello staff del presidente era a bordo dell’elicottero principale. Era appena uscito dalla nebbia quando hanno notato del trambusto nella cabina di pilotaggio.

Il signor Bazarbash ha chiesto al pilota cosa stesse succedendo, ha detto alla televisione di stato ricordando quelle prime ore. Il pilota gli ha detto che avevano perso le tracce dell’elicottero del presidente e che non rispondeva alle chiamate radio, indicando che potrebbe aver effettuato un atterraggio di emergenza. Il pilota si è voltato e ha fatto il giro della zona più volte, ma la nebbia oscurava la vista e l’atterraggio nella valle era troppo pericoloso, ha detto Bazarbash.

I due elicotteri alla fine sono atterrati in una miniera di rame tra le montagne dell’Iran nordoccidentale, a 45 miglia dalla città più vicina. Nel giro di poche ore, un modesto edificio per uffici sarà trasformato in un centro dedicato alla gestione delle crisi, che ospiterà centinaia di funzionari, comandanti militari e persino escursionisti e motociclisti fuoristrada, ha detto Azin Haqiqi, un fotografo di Tabriz che era sul posto. Lo ha detto il centro in un’intervista telefonica.

Alla televisione statale, il signor Al-Ismaili ha detto di aver chiamato i telefoni cellulari del signor Raisi, del signor Amir Abdullahian, del signor Al-Hashem e di un altro funzionario. Nessuno risponde.

Ha chiesto il numero del pilota, ma alla fine è stato il signor Al-Hashem a rispondere.

“Dove sei?” ha chiesto il signor Esmaili mentre raccontava la conversazione. “Cos’è successo? Puoi darci un segnale per trovare la tua posizione? Riesci a vedere gli altri? Stanno bene?”

“Sono tra gli alberi”, ha detto. “Sono solo. Non vedo nessuno.”

Quando il signor Ismaili lo ha insistito per ulteriori dettagli, il religioso ha descritto di trovarsi in una foresta con alberi bruciati. Nelle chiamate successive, la sua voce cominciò ad affievolirsi e sembrava più confuso. Dopo circa due ore ha smesso di rispondere.

Bazarbash chiamò il National Air Control Center per ottenere le coordinate dell’elicottero, ma i tecnici potevano solo fornire una stima dell’area dell’incidente e, a causa della lontananza del luogo, non erano in grado di tracciare i segnali telefonici.

READ  Rishi Sunak avverte che la Gran Bretagna si trova a un bivio in vista delle elezioni generali

La posizione esatta è rimasta sfuggente. Non c’era alcun segnale dall’elicottero. Il panico è iniziato quando i funzionari degli altri elicotteri si sono resi conto che l’aereo del presidente si era schiantato violentemente e che Raisi, considerato da molti come un potenziale successore del leader supremo, e altri a bordo erano gravemente feriti o morti.

Bazarbash ha detto in un’intervista alla televisione di stato che i funzionari hanno informato Teheran e hanno richiesto squadre di ricerca e soccorso di emergenza, ma ci sono volute ore prima del loro arrivo, rallentato dal tempo pericoloso e dalle strade strette che serpeggiano intorno alle montagne.

Bazarbash ha detto che i funzionari del partito presidenziale non hanno aspettato le squadre di emergenza, ma piuttosto sono partiti in auto con persone della miniera di rame. Ma in mezzo alla nebbia, al vento e alla pioggia, ha detto che hanno dovuto abbandonare le auto e dirigersi a piedi verso i villaggi vicini, sperando che la gente del posto potesse aiutarli a trovare il luogo dell’incidente. Ha detto che gli sforzi sono falliti e sono tornati alla miniera.

A Teheran, Mohammad Mokhber, primo vicepresidente e ora presidente ad interim, ha supervisionato la prevista riunione di gabinetto. Nonostante abbia appreso dell’incidente e della possibile morte di Raisi, ha continuato il suo banale lavoro di governo e ha aspettato fino alla fine della riunione per fornire la notizia al resto del governo, secondo Ali Bahadori Jahromi, il primo ministro. Portavoce.

Il signor Khamenei, la Guida Suprema, che è stato informato dell’incidente subito dopo che le autorità hanno confermato la scomparsa dell’elicottero del presidente, ha convocato una riunione d’emergenza del Consiglio Supremo di Sicurezza Nazionale iraniano a casa sua, consigliando ai suoi membri di mantenere l’ordine e mostrare forza. Secondo un membro del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie e un funzionario governativo sono stati informati dell’incontro ma non è stato loro permesso di discuterne pubblicamente.

Il Ministero della Cultura e della Guida Islamica ha contattato i media e stabilito linee guida di copertura, emettendo un ordine di silenzio contro le insinuazioni secondo cui il presidente e altri funzionari potrebbero essere morti, hanno detto quattro giornalisti iraniani che hanno chiesto l’anonimato per paura di ritorsioni.

La prima notizia che l’elicottero del presidente aveva effettuato un “atterraggio duro” è apparsa nel primo pomeriggio sulla televisione di Stato. Per ore, nei media ufficiali e semi-ufficiali è circolata disinformazione, secondo cui Raisi stava tornando a Tabriz o che era sano e salvo, o che i passeggeri a bordo dell’elicottero affermavano di essere tutti sopravvissuti.

Un uomo d’affari iraniano e un analista dei media, entrambi con un ampio seguito sui social media, hanno dichiarato nelle interviste che il Ministero dell’Intelligence li ha chiamati intorno alle 18:00 di domenica e ha chiesto loro di cancellare i post social sull’incidente. L’agenzia Fars News Agency ha riferito giovedì che l’ala dei servizi segreti delle Guardie della Rivoluzione aveva arrestato una persona che, secondo loro, aveva diffuso informazioni inesatte sull’elicottero del presidente.

READ  Incendio di Copenhagen: La vecchia borsa valori in Danimarca prende fuoco

Tuttavia, entro le 23 di domenica, il Ministero della Cultura e dell’Orientamento Islamico ha chiesto ai media statali di passare alla chiamata alla preghiera e ha chiesto loro di prepararsi per un annuncio ufficiale domani mattina.

Di ritorno alla miniera c’era il generale Hossein Salami, comandante supremo delle guardie rivoluzionarie Ha preso il comando dell’operazione Lì si sistemarono in una sala conferenze dove un grande schermo mostrava una mappa 3-D dell’area dell’incidente.

Era caotico; “Tutti erano nervosi”, ha detto il fotografo Haqiqi. “I gruppi di ricerca uscivano a ondate e tornavano dicendo che era impossibile vedere nulla. All’interno del centro di controllo, la gente urlava, correva da una stanza all’altra, alla disperata ricerca di notizie.

Una dichiarazione rilasciata dalle forze armate iraniane afferma che l’Iran aveva bisogno dei suoi droni avanzati per localizzare il luogo dell’incidente, ma erano stati schierati nel Mar Rosso, quindi il paese ha dovuto rivolgersi alla Turchia per richiederne un drone. Alla fine, un drone iraniano avanzato è tornato dal Mar Rosso e ha trovato il luogo dell’incidente, afferma la nota.

Lunedì, alle prime luci dell’alba, le squadre di soccorso sono partite a piedi. Il signor Haqiqi, che accompagnava uno di loro, ha detto che ci è voluta un’ora e mezza per scalare una ripida montagna e poi scendere attraverso una foresta fangosa.

Ma i primi ad arrivare sul posto sono stati i motociclisti volontari. video Uno di loro viene mostrato mentre corre tra gli alberi e grida: “Haji Agha, Haji Agha”, mentre urla al signor Raisi usando un termine affettuoso. Di fronte alla coda spezzata dell’elicottero, ai rottami carbonizzati e ai bagagli sparsi a terra, grida: “Dio è grande, Hussein”, invocando Dio e un imam sciita.

Le forze armate hanno affermato in un comunicato che l’elicottero è esploso e si è trasformato in una palla di fuoco al momento dell’impatto, aggiungendo poi che le prime indagini non hanno mostrato segni di manomissioni o proiettili sull’aereo. Ma diversi funzionari si sono chiesti se i protocolli di sicurezza fossero stati rispettati e perché il presidente avesse volato in condizioni tempestose.

I corpi del signor Raisi e del signor Amir Abdullahian sono stati scoperti vicino alle macerie. Sono stati bruciati in modo irriconoscibile, secondo i tre funzionari di Teheran, due membri della Guardia rivoluzionaria e il signor Haghighi, che hanno visionato i corpi.

Il signor Raisi è stato identificato dal suo anello e il signor Amir Abdullahian dal suo orologio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto