I colloqui per il cessate il fuoco tra Israele e Hamas giungono nuovamente a un vicolo cieco

L’ultimo round di negoziati tra Israele e Hamas è arrivato a un punto morto domenica, poiché i mediatori hanno faticato a colmare le lacune rimanenti e una delegazione di Hamas ha abbandonato i colloqui al Cairo, secondo due alti funzionari di Hamas e altri funzionari che hanno familiarità con i colloqui. Un funzionario israeliano ha anche confermato che i negoziati avevano vacillato, descrivendoli come in “crisi”.

Nel corso dei mesi, i negoziati volti a raggiungere un cessate il fuoco e il rilascio degli ostaggi hanno fatto pochi progressi, ma durante la scorsa settimana sono emersi segnali che le due parti erano vicine a raggiungere un accordo. Israele ha fatto marcia indietro rispetto ad alcune delle sue richieste di lunga data, e un alto funzionario di Hamas ha affermato che il movimento sta studiando l’ultima offerta israeliana “con uno spirito positivo”.

Ma la battuta d’arresto del fine settimana significa che i palestinesi che vivono in condizioni miserabili a Gaza non riceveranno la grazia imminente e le famiglie degli ostaggi tenuti dai militanti dovranno aspettare più a lungo prima che i loro cari vengano rilasciati.

L’ostacolo principale nei colloqui è stata la durata del cessate il fuoco, con Hamas che chiedeva che fosse permanente, e anche il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha espresso la sua apertura ad una cessazione solo temporanea dei combattimenti.

Hamas ha attribuito la mancanza di progressi a Netanyahu, che nei giorni scorsi ha nuovamente promesso che l’esercito israeliano avrebbe invaso Rafah, la città più meridionale della Striscia di Gaza, con o senza un accordo.

Musa Abu Marzouk, un alto funzionario di Hamas, ha detto in un’intervista telefonica: “Eravamo molto vicini, ma la mentalità ristretta di Netanyahu ha impedito il raggiungimento di un accordo”.

READ  Polizia incontrata: il Primo Ministro è inorridito dal modo in cui la polizia tratta gli uomini ebrei, dice No10

Netanyahu ha annunciato settimane fa la sua intenzione di lanciare un attacco di terra contro Rafah, dove circa un milione di palestinesi stanno cercando rifugio. L’amministrazione Biden sta facendo pressioni su Israele affinché si astenga dal portare a termine un’importante operazione nella città.

Domenica, Hamas ha lanciato circa 10 razzi dalla zona del valico di frontiera di Rafah, uccidendo tre soldati vicino al valico di Kerem Shalom, secondo l’esercito israeliano. Gli attacchi missilistici effettuati da Hamas sono stati relativamente rari negli ultimi mesi e Israele ha affermato di aver risposto con attacchi aerei contro il sito di lancio.

Il funzionario israeliano, che ha parlato in condizione di anonimato, ha detto che Israele e Hamas erano più vicini a raggiungere un accordo due giorni fa, ma le dichiarazioni di Netanyahu su Rafah hanno costretto Hamas a inasprire le sue richieste nel tentativo di garantire la vittoria delle forze israeliane. Non entrare in città. Il funzionario ha detto che Hamas ora sta cercando maggiori garanzie che Israele applicherà solo una parte dell’accordo e poi riprenderà i combattimenti.

Il funzionario ha espresso il suo rammarico per il fatto che Hamas e Israele si siano spostati verso il “gioco della colpa”.

Due funzionari americani, che hanno parlato a condizione di anonimato, hanno respinto l’idea che i colloqui fossero arrivati ​​ad un punto morto, sottolineando che le parti stanno ancora esaminando i dettagli delle ultime proposte.

Netanyahu e gli Stati Uniti sostengono che Hamas sta ostacolando un accordo. Netanyahu ha detto domenica che non accetterebbe il ritiro completo delle forze israeliane da Gaza e la fine della guerra. Ha detto che sostenere tali richieste consentirebbe ad Hamas di riprendere il controllo di Gaza, ricostruire le sue capacità militari e minacciare le comunità in tutto Israele.

READ  Un incendio in una discoteca di Istanbul ha ucciso decine di persone durante i lavori di ristrutturazione, hanno riferito i media statali

Ha detto: “È Hamas che sta ostacolando il rilascio dei nostri ostaggi”. “Stiamo lavorando in ogni modo possibile per liberare gli ostaggi. Questa è la nostra massima priorità”.

Una delegazione israeliana non è mai riuscita a raggiungere il Cairo per partecipare alla fase finale dei colloqui. Il funzionario israeliano ha detto che Israele ha richiesto una risposta scritta alla sua ultima proposta da parte di Hamas prima di inviare una delegazione, ma il movimento non ha inviato alcuna risposta.

Abu Marzouk ha detto che Hamas vuole che Israele sia presente ai colloqui al Cairo, dove possa lavorare attraverso mediatori per chiarire i punti “ambigui” dell’ultima offerta israeliana, anche riguardo alla durata del cessate il fuoco.

Ha detto: “Il cessate il fuoco deve essere permanente e stabile”.

Il signor Abu Marzouk è stato l’unico dei funzionari che ha parlato dei colloqui per permettere che venisse usato il suo nome. Gli altri hanno parlato in condizione di anonimato per trattare il tema delicato oppure perché non autorizzati a parlare con la stampa.

Abu Marzouk ha detto che Hamas crede che Netanyahu voglia raggiungere un accordo che consentirebbe a Israele di invadere Rafah dopo il rilascio degli ostaggi.

“Questo è il piano di Netanyahu”, ha detto.

Due funzionari a conoscenza dei colloqui hanno affermato che domenica anche una squadra tecnica del ministero degli Esteri del Qatar ha lasciato la capitale egiziana. Uno dei funzionari ha detto che il direttore della CIA Bill Burns ha incontrato domenica il primo ministro del Qatar Mohammed bin Abdulrahman Al Thani a Doha per discutere di rimettere in carreggiata i colloqui.

READ  La Cina accusa gli Stati Uniti di "aver provocato il panico" per la crisi ucraina e respinge le sanzioni contro la Russia in quanto inefficaci.

La leadership politica di Hamas si riunirà lunedì a Doha per discutere di ciò che è accaduto al Cairo negli ultimi due giorni, ma il movimento intende continuare a partecipare ai negoziati “positivamente”, ha detto un alto funzionario di Hamas, che ha parlato a condizione di anonimato.

Un articolo di Cairo News, un canale televisivo statale egiziano, afferma che una delegazione di Hamas tornerà al Cairo martedì, ma un alto funzionario di Hamas ha detto che il gruppo non ha ancora preso una decisione.

Pietro Baker E Michael Crowley Ha contribuito segnalando a questo articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto