Kaitlyn Clarke si riprende da un infortunio alla caviglia mentre i Fever non riescono a garantire la prima vittoria

INDIANAPOLIS – Come se enormi aspettative e un programma di apertura brutale non fossero sfide abbastanza grandi da affrontare per Kaitlyn Clark all’inizio della sua carriera nella WNBA, lunedì sera ha affrontato un altro colpevole: la sua caviglia sinistra.

La debuttante di Indiana Fever e scelta numero 1 al draft, che era stata oggetto di un incessante focus difensivo durante la transizione al gioco professionistico, si è rotolata una caviglia nel secondo quarto della sconfitta per 88-84 dei Fever contro il Connecticut Sun, un infortunio ciò lasciò Clark disteso sul campo e stringendosi la caviglia per il dolore.

Clark non è stata in grado di alzarsi in piedi senza assistenza ed è entrata negli spogliatoi immediatamente dopo essere stata assistita. Il pubblico di casa della Gainbridge Fieldhouse tacque mentre i compagni di squadra di Clarke la circondavano. Nel frattempo, il suo allenatore tratteneva il fiato.

“Ero preoccupato”, ha detto Christy Sides dell’Indiana. “molto.”

È stato l’ultimo di una serie di ostacoli che Clarke ha affrontato per iniziare la sua tanto attesa stagione da rookie. Ma proprio come Clarke è riuscita a mantenere la calma di fronte ad altre sfide, allo stesso modo si è scrollata di dosso un infortunio alla caviglia, tornando nel secondo tempo per iniziare un ritardo che ha visto i Fever (0-4) quasi tirare fuori un risultato a sorpresa. in quella che sarebbe stata la loro prima vittoria.

READ  Il vincitore del PGA Tour Grayson Murray muore all'età di 30 anni

“Ogni giocatore di basket ha avuto un infortunio alla caviglia”, ha detto Clark, minimizzando l’infortunio dopo aver segnato 17 punti e cinque assist. “Se sei [haven’t]Non sei un vero giocatore di football, credo. Non lo so. “Sarà un po’ dura, ma sarò bravo.”

I Fever ora hanno due sconfitte sia contro il Sun che contro il New York Liberty, squadre esperte che insieme hanno un 7-0. Le perdite aumentano, così come la frustrazione. Ma la partita di lunedì è stata la prestazione più competitiva dell’Indiana fino ad ora, e il contributo di Clark ha contribuito notevolmente a rendere le cose interessanti nel quarto trimestre.

Ha seppellito una tripla di 33 piedi con 7:17 rimasti che ha dato ai Fever un vantaggio di 70-68. Il tiro – il suo più lungo da professionista e il secondo più lungo da giocatore WNBA in questa stagione – era un vecchio secchio di Clark che ricordava alcuni dei suoi exploit all’Iowa State. Com’era prevedibile, ciò suscitò una risposta delirante da parte del pubblico che era venuto in cerca di un motivo per ribellarsi e aveva anticipato una delle grandi esibizioni di Clark.

Clarke ha anche preso il controllo dell’attacco in ritardo, portando ritmo e schierando i giocatori in post Aaliyah Boston e Timmy Fagbenle. Alla fine, il Fever non è riuscito a sfruttare le opportunità, come un potenziale layup che Boston ha mancato negli ultimi secondi.

“Ho pensato che fosse un gran tiro”, ha detto Clark della sua tripla. “Ci ha dato un po’ di slancio, ha fatto emozionare il pubblico. Il nostro pubblico era incredibile. … Penso che tu possa vedere i progressi che questa squadra sta facendo, ed è per questo che ha fatto così male perché eravamo lì e abbiamo avuto molte possibilità di vinci la partita, e poi non lo fai.” “

READ  Rashi Rice dei Kansas City Chiefs promette di "maturare e continuare a crescere" tra problemi legali

Le parti sono state incoraggiate dalla gestione dell’infortunio alla caviglia da parte di Clarke. Pochi minuti dopo aver lasciato il campo, Clarke ha chiesto all’allenatore di riattaccargli la caviglia ed è tornato rapidamente in panchina nel tentativo di rientrare in gioco.

“È dura”, ha detto Sides. “Non voleva che nessuno la aiutasse fuori dal campo. Adoro questo di lei. Adoro questo è ciò che fa. È venuta fuori dal campo da sola, ha fatto quello che doveva fare per rimettersi in gioco. “

Clark ha saltato gli ultimi 5:29 del secondo quarto, ma quando è tornata per il terzo quarto, non era meno acuta. Quell’intensità non è mai stata così evidente come quando le è stato fischiato un fallo tecnico a 3:37 dalla fine della partita dopo aver pronunciato alcune parole scelte all’arbitro.

“Un po’ deluso”, ha detto.

Ciò che probabilmente ha aggiunto alla frustrazione di Clark sono stati gli sforzi difensivi della guardia del Sun Dejonai Carrington, che ha coperto Clark per tutto il tempo e ha contrastato i numerosi sforzi di Clark per lanciare le sue amate triple.

Le 17 palle perse dei Fever e l’enorme disparità (24 a 13) sono tra le cose che dovranno cambiare se l’Indiana vuole finire partite come quella di lunedì.

“Penso che ogni squadra contro cui giochiamo abbia un’identità e dobbiamo dimostrarlo”, ha detto il portiere veterano Kelsey Mitchell. “E odio dirlo, ma non abbiamo niente per me. E penso che questo sia il nostro prossimo passo. Penso che il nostro prossimo passo sia definire chi saremo. E non solo quello che dicono i social media. E cosa dice il mondo, ma chi possiamo effettivamente essere.” “

READ  Olimpiadi in diretta: Michaela Shiffrin non idonea; Il Canada supera gli Stati Uniti

I Fever ora intraprendono tre partite su strada in quattro giorni, a partire dall’incontro di mercoledì con il Seattle Storm.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto