Mentre si parla di tregua, Netanyahu dice che Hamas deve essere schiacciato

Lui gioca

Lunedì Hamas e il leader dell’opposizione israeliana hanno espresso sostegno all’accordo di cessate il fuoco proposto dal presidente Joe Biden, secondo quanto affermato dal primo ministro Benjamin Netanyahu, anche se Netanyahu si è opposto alla versione del piano di Biden.

Il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry ha detto lunedì che Hamas vede la proposta di Netanyahu, presentata da Biden la scorsa settimana, “positivamente”, secondo una traduzione del Times of Israel. Il portavoce del Consiglio di Sicurezza Nazionale John Kirby ha detto lunedì in una conferenza stampa che gli Stati Uniti stanno aspettando una risposta ufficiale da Hamas alla proposta che il movimento ha ricevuto giovedì.

In Israele, il rivale politico di Netanyahu, Yair Lapid, ha esortato il governo ad approvare l’accordo e ha promesso di fornire una “rete di sicurezza politica” se i soci di estrema destra del primo ministro daranno seguito alle minacce e si ritireranno dalla fragile coalizione di governo.

Lapid ha dichiarato: “Il governo israeliano deve accettare la proposta di Netanyahu e inviare oggi una delegazione al Cairo per finalizzare gli ultimi dettagli e riportare in patria gli uomini, le giovani donne, gli anziani, i soldati e le soldatesse imprigionati nei tunnel”. .

Lunedì l’esercito israeliano ha anche informato le famiglie delle quattro persone rapite durante gli attacchi di Hamas del 7 ottobre che erano morte e che i loro corpi erano detenuti da militanti.

Biden ha detto che Netanyahu ha presentato un piano in tre fasi che include il ritorno di tutti gli ostaggi e il completo ritiro israeliano da Gaza entro la fine della seconda fase. Ma Netanyahu lunedì ha definito la descrizione della proposta di Biden “incompleta”, affermando che Israele mantiene i suoi “obiettivi di guerra, in primo luogo l’eliminazione di Hamas”.

READ  La Corea del Nord ha informato il Giappone del piano di lancio del satellite, un possibile tentativo di mettere in orbita un secondo satellite spia

Biden afferma che Israele ha offerto un piano: Un cessate il fuoco di 6 settimane a Gaza e il rilascio degli ostaggi

Sviluppi:

∎ Secondo i satelliti preliminari, più della metà degli edifici di Gaza sembrano essere stati distrutti o danneggiati dall’inizio della guerra, il 7 ottobre. Analisi delle Nazioni Unite.

∎ Centinaia di persone hanno marciato per la pace nel centro di Gerusalemme in una dimostrazione di solidarietà interreligiosa. Gli organizzatori affermano che la marcia ha lo scopo di contrastare la marcia della bandiera nazionale nel Giorno di Gerusalemme, prevista per mercoledì.

Netanyahu sul cessate il fuoco a Gaza: Dice che Hamas deve essere distrutto

Il ministro delle finanze israeliano di estrema destra Bezalel Smotrich ha descritto l’accordo proposto come una “offerta di resa” che lui e il suo partito sionista religioso non avrebbero sostenuto. Ha incolpato il gabinetto di guerra israeliano per la parata e ha detto che stavano continuando a “umiliare Israele”.

Il ministro della Sicurezza di destra Itamar Ben Gvir ha accusato Netanyahu di “insabbiare” la proposta di accordo di cessate il fuoco e ha minacciato di ritirare il suo partito politico dalla coalizione di governo se fosse stato approvato. Ben Gvir ha affermato che l’ufficio di Netanyahu ha respinto i suoi ripetuti sforzi per rivedere i dettagli dell’accordo.

Ben Gvir ha dichiarato in una nota: “I dettagli dell’accordo presentato dal presidente Biden mostrano che si tratta di un accordo che significa la resa di Israele e la fine della guerra senza raggiungere l’obiettivo principale di distruggere Hamas”. “Se firmi un accordo casuale che metta fine alla guerra senza il collasso di Hamas, Otzma Yehudit (il partito di Ben Gvir) scioglierà il governo”.

Lunedì l’esercito israeliano ha dichiarato di aver informato le famiglie delle quattro persone rapite durante gli attacchi del 7 ottobre che erano morte e che Hamas teneva i loro corpi.

L’IDF ha affermato di aver confermato attraverso le sue fonti che Haim Peri, Yoram Metzger, Amiram Cooper e Nadav Popplewell erano morti, aggiungendo che “le circostanze della loro morte durante la prigionia di Hamas sono ancora oggetto di indagine da parte di tutti i professionisti coinvolti”.

READ  Tre morti in un attacco missilistico degli Houthi contro una nave mercantile dell'esercito americano

Israele ha detto che Hamas e i gruppi armati alleati tengono più di 130 ostaggi a Gaza, ma non si sa quanti di loro siano vivi.

Il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry ha detto lunedì che funzionari statunitensi, egiziani e israeliani stanno tenendo incontri volti a riaprire il valico di frontiera di Rafah tra Egitto e Gaza, ma ciò non accadrà finché Israele non riprenderà il controllo sui palestinesi nella Striscia di Gaza. Il mese scorso, Israele ha sequestrato l’intero confine di Gaza con l’Egitto, compreso il valico, durante l’attacco ad Hamas a Rafah. Il valico era il principale punto di accesso per il flusso di aiuti umanitari, nonché un’ancora di salvezza verso il mondo esterno per più di due milioni di palestinesi che vivono nei territori assediati da Israele.

Il ministro della Difesa israeliano Yoav Galant ha detto che le forze israeliane stanno lavorando per distruggere i tunnel tra Gaza e l’Egitto che Hamas utilizza per contrabbandare armi e sfuggire alla guerra. L’Egitto nega l’esistenza di tali tunnel.

Lunedì una coalizione di oltre due dozzine di esperti di diritti umani delle Nazioni Unite ha esortato tutti i paesi a riconoscere lo Stato di Palestina e a utilizzare tutte le risorse politiche e diplomatiche disponibili per raggiungere un cessate il fuoco immediato a Gaza. Questo appello è arrivato meno di una settimana dopo che Spagna, Irlanda e Norvegia si erano unite a più di 140 paesi nel riconoscere ufficialmente lo Stato palestinese. Israele ha ripetutamente condannato tali azioni, affermando che rafforzano Hamas. Gli Stati Uniti si sono schierati con Israele, sostenendo che una soluzione deve essere negoziata.

Gli esperti delle Nazioni Unite hanno affermato in un comunicato: “Questo riconoscimento è un importante riconoscimento dei diritti del popolo palestinese, della sua lotta e della sua sofferenza per il bene della libertà e dell’indipendenza”.

Le Maldive hanno annunciato l’intenzione di vietare ai titolari di passaporto israeliano l’ingresso nella nazione insulare dell’Oceano Indiano, nota come destinazione di viaggio di lusso, nel mezzo della guerra in corso tra Israele e Hamas. Mohammed Mwizo, presidente del paese a maggioranza musulmana, aveva precedentemente condannato Israele per il recente raid su Rafah, nel sud di Gaza, che ha ucciso 45 palestinesi che si erano rifugiati nel campo profughi temporaneo creato da Israele.

READ  Putin ordina truppe nelle regioni separatiste e riconosce la loro indipendenza

Lo ha detto il Ministero degli Affari Esteri israeliano in un post su Facebook Fornire consulenza ai cittadini israeliani Evitare di recarsi alle Maldive e lasciare qualsiasi cittadino israeliano attualmente nel Paese, “perché se per qualsiasi motivo si trovassero in difficoltà, sarà difficile per noi aiutarli”.

Savannah Kuchar

Le Maldive vietano l’ingresso agli israeliani Chi è entrato nel Paese per protestare contro la guerra di Gaza

Biden ha detto la scorsa settimana che Netanyahu ha proposto un accordo in tre fasi. La prima fase dura sei settimane e comprende un “cessate il fuoco completo e il ritiro” delle forze israeliane da tutte le aree popolate di Gaza. Comprenderà anche il rilascio di alcuni ostaggi, tra cui donne, anziani e feriti, in cambio del rilascio di centinaia di prigionieri palestinesi.

La seconda fase prevede il rilascio di tutti gli ostaggi viventi rimasti, il completo ritiro israeliano da Gaza e una “cessazione permanente delle ostilità”. La terza fase prevede un importante piano per ricostruire Gaza, e i corpi di tutti gli altri ostaggi uccisi in prigionia verranno restituiti alle loro famiglie.

Netanyahu, che è sotto forte pressione politica in patria, ha messo in dubbio la descrizione di Biden del piano proposto. Secondo The Times of Israel, Netanyahu ha affermato che ci sono delle lacune tra la versione di Biden e la posizione di Israele.

Kirby fece marcia indietro quel lunedì. Ha detto ai giornalisti: “Non conosco alcuna scappatoia di cui parlare. Siamo fiduciosi che rifletta accuratamente questa proposta – che è la proposta su cui abbiamo lavorato con gli israeliani”.

Contribuiscono: Francesca Chambers e Swapna Venugopal Ramaswamy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto