Ranga Dias, fisico dell’Università di Rochester, mette in dubbio la scoperta

Nessun attrito. Questo è ciò per cui Ranga Dias si impegna.

Il fisico dell’Università di Rochester trascorre la maggior parte delle sue giornate in un laboratorio privato in Blossom Road, perseguendo instancabilmente un’impresa che dice di aver già realizzato: la superconduttività ambientale, in cui l’elettricità può muoversi senza resistenza a temperatura ambiente e sotto una pressione atmosferica relativamente normale.

Sbloccare questo risultato cambierebbe il mondo. L’energia sarà economica e abbondante; La tecnologia dei chip per computer avanzerà anni luce.

Dias ha reclutato scienziati e analisti da tutto il mondo e si è assicurata 17 milioni di dollari in finanziamenti di capitale di rischio. Si impegnano a individuare esattamente come il materiale che chiamano Reddmatter può liberare gli elettroni dalle leggi di conduzione impenetrabili.

“La scienza è reale”, ha detto Dias in una recente intervista con D&C, una delle poche concesse nell’ultimo anno. “La scienza è lì… questo è l’inizio.”

Altri importanti fisici credono che il suo approccio possa essere dimostrato teoricamente corretto, ma vogliono vedere dati che lo dimostrino. Qui sta l’attrito.

Dias lavora nel suo laboratorio e non all’Università dell’Uruguay, soprattutto perché è un emarginato dall’università e dal mondo della fisica accademica in generale. La sua serie di articoli scientifici che pubblicizzavano i notevoli progressi furono ritirati a causa di accuse di frode. Una recente revisione commissionata dall’UR ha rilevato che era coinvolto in una cattiva condotta nella ricerca e ha raccomandato che fosse licenziato.

L’ampio consenso accademico, anche tra i suoi datori di lavoro, i suoi ex studenti e collaboratori, è che Dias abbia fabbricato o distorto i suoi dati.

Ha detto N. Peter Armitage, fisico della Johns Hopkins University: “La stronzata è completa”. “Tutti i documenti avevano problemi… I suoi studenti dissero che i dati non erano stati presi e che l’analisi degli altri dati era completamente fraudolenta. Questa è la storia.”

Raggiungere l’impossibile

Un superconduttore che funzioni a temperatura ambiente e a una pressione relativamente bassa – in altre parole, al di fuori di un laboratorio specializzato – rappresenterebbe uno dei progressi scientifici più importanti nella storia umana.

Generare energia non inquinante attraverso la fusione nucleare diventerà molto più semplice ed economico, consentendo una rapida transizione dai combustibili fossili. I treni possono sorvolare i binari grazie al forte magnetismo, che riduce la resistenza quasi a zero. La trasmissione senza attrito tra chip di computer superconduttori o attraverso linee elettriche superconduttrici rivoluzionerebbe le comunicazioni e la trasmissione di energia.

Dias ha creato scalpore nel 2020 Con la pretesa di aver risolto metà del problema, creando la superconduttività a temperatura ambiente ma sempre sotto un’enorme pressione.

Quell’articolo, pubblicato sulla prestigiosa rivista Nature, lo era Ha fatto marcia indietro dopo due anni Dopo che fisici esterni hanno segnalato irregolarità nei dati. Dias e i suoi compagni di squadra si opposero all’inversione di rotta, e all’epoca l’Uruguay si schierò a favore dopo una revisione interna.

READ  Spazzatura spaziale in rotta di collisione con la luna probabile missile cinese - esperti | la luna

Proseguì le sue ricerche, e nel 2023 annunciò un risultato ancora più degno di nota, pubblicato nuovamente sulla rivista Nature. Questa volta, Dias ha affermato di aver raggiunto l’apparentemente impossibile: la superconduttività a temperatura ambiente e a bassa pressione. L’innovazione principale fu l’uso di un metallo delle terre rare chiamato idruro di lutezio, insieme a una piccola quantità di azoto. Ha chiamato il materiale Reddmatter.

“Potrebbe essere il miglior fisico dell’alta pressione al mondo e si prevede che vincerà un premio Nobel”. Uno scienziato ha detto al New York Times Nel 2023. “Oppure sta succedendo qualcos’altro.”

Nel giro di pochi giorni, altri fisici sollevarono obiezioni alle nuove affermazioni di Dias. Hanno trovato modelli insoliti nei dati che suggerivano una possibile manipolazione o fabbricazione. Agli studenti laureati che hanno lavorato agli esperimenti nei laboratori Dias si sono uniti altri coautori Chiedendo alla natura di ritirare l’articolo, Dicendo che c’era una “mancanza di trasparenza… (e) diligenza scientifica” all’interno del laboratorio di Dias.

Meno di una settimana dopo la pubblicazione dell’articolo fondamentale nel marzo 2023, la National Science Foundation, che ha sponsorizzato parte del lavoro di Dias, All’UR è stato chiesto di indagare Accuse di cattiva condotta.

Anche quel documento è stato ritirato. Sono stati pubblicati anche altri tre documenti di ricerca, portando il totale a cinque.

I critici hanno anche notato passaggi di testo nella tesi di dottorato di Dias e in altri lavori pubblicati che sono stati copiati quasi alla lettera dai lavori di altri autori, esempi che Dias ha liquidato come involontari, banali o dovuti a precedenti difficoltà come studente di inglese.

“Non ci si può fidare”

Una revisione interna come quella ordinata dall’Uruguay Round nel 2023 normalmente rimarrebbe segreta. È stato pubblicato all’inizio di quest’anno, Nonostante ciò, in un fascicolo giudiziario relativo alla causa intentata dalla Dias contro l’ateneo. Chiede al giudice di costringere l’Università dell’Uruguay a formare un comitato di reclamo “relativo alla libertà accademica”.

I tre fisici esterni che hanno scritto il rapporto hanno criticato aspramente Dias. Lo hanno accusato di aver falsificato e fabbricato dati e hanno affermato che non è riuscito a fornire dati grezzi appropriati ai suoi colleghi per cercare di replicare le sue scoperte.

“L’inchiesta raccomanda che a Dias non sia consentito insegnare agli studenti, fare da mentore agli studenti o supervisionare gli studenti a qualsiasi livello… o condurre ricerche indipendenti finanziate da agenzie governative o enti privati ​​(sia industriali che filantropici)”, hanno scritto “Ciò che è stato rivelato in questa indagine dimostra che non ci si può fidare di lui.”

READ  Cosa sono quei punti rossi che emergono dal sole durante un'eclissi? – NBC 5 Dallas-Fort Worth

Orr accettò il rapporto e privò Dias delle sue responsabilità di studente e di insegnante, sebbene avesse ancora accesso al suo laboratorio. In un fascicolo legale, L’università ha detto di aver chiesto al Comitato interno Tenure e Privilegi di licenziare Dias, che non ha un lavoro.

Dias ha presentato agli investigatori una risposta di 175 pagine, quindi ha aggiunto più di 100 pagine di commenti aggiuntivi dopo aver pubblicato i risultati. Ha affermato che il rapporto riflette “una serie di malintesi e un’errata applicazione di standard e metodologie scientifiche” e ignora le prove a discarico.

“Il percorso verso la scoperta scientifica è irto di sfide, ma attraverso queste avversità possiamo migliorare le nostre metodologie, rafforzare le nostre convinzioni e contribuire al vasto tessuto della conoscenza umana”, ha concluso. “Andiamo avanti con un impegno condiviso verso la verità, l’integrità e la ricerca incessante dell’eccellenza scientifica”.

In un’intervista, Dias ha ammesso che non avrebbe mai più insegnato all’Università dell’Uruguay.

“La mia esperienza negli ultimi quattro anni è stata molto amara”, ha detto. “Sono sicuro che vogliono che me ne vada, e non voglio nemmeno essere lì.”

La rivista Nature è stata sottoposta a severe critiche dopo aver pubblicato due ricerche di Dias, in particolare la seconda ricerca. Armitage, il fisico della Johns Hopkins University, ha affermato che anche l’Uruguay ha commesso un “abbandono del dovere” non dando ascolto ai precedenti avvertimenti sulla ricerca di Dias.

Ha notato in particolare A Video 2023 L’università è stata creata per promuovere le sue affermazioni sulla superconduttività.

“Penso che il comportamento dell’Uruguay sia stato strano”, ha detto. “Volevano chiaramente che ciò fosse vero a tutti i livelli dell’organizzazione… Avevano il simbolo del dollaro nei loro occhi.”

Lavoro lento e solitario

E se Dias avesse ragione?

Ha evitato per lo più le interviste nell’ultimo anno, ma ha menzionato a lungo il suo caso nei documenti del tribunale e in una nota ai colleghi dell’UR.

Secondo lui i cali sono il risultato di nuove metodologie e incomprensioni. Una sorta di ribellione istigata da due laureati “insoddisfatti”; L’università l’ha abbandonato per ragioni di pubbliche relazioni, non scientifiche. Dias dispone di un’ampia documentazione su ciascuno di questi punti, ma i revisori interni – che secondo lui avevano un conflitto di interessi che avrebbe dovuto essere eliminato – l’hanno trovata poco convincente.

Per quanto riguarda la domanda di ricerca in sé, Dias e i suoi partner di Unearthly Materials sono sicuri di avere ragione.

READ  Una perdita di elio ritarda il volo di prova dell'equipaggio dello Starliner

“Se leggi gli articoli teorici, è stata quasi una conclusione naturale”, ha affermato Ron Sealam, responsabile della tecnologia. “Sappiamo che la teoria è che ci sarà superconduttività. L’unica domanda è come raccoglierne un campione adeguato”.

Il lavoro presso il laboratorio di Blossom Road si è recentemente concentrato sulla questione di come sviluppare ulteriori campioni di Redmatter che avrebbero lo stesso effetto superconduttore che Dias ha affermato di aver osservato in precedenza. Ciò significa decodificare il campione piccolo e degradante di cui già dispongono.

È un lavoro lento e solitario, svolto in isolamento dalla comunità scientifica nel suo insieme. Tuttavia, chiunque controlli la tecnologia alla base della scoperta della superconduttività rischia di ottenere enormi profitti.

Unearthly Materials è attualmente valutato a 200 milioni di dollari, sulla base di un investimento di 15 milioni di dollari da parte della società europea di venture capital Plural, ha affermato Dias. Si prevede un nesso di superconduttività nello stato di New York, che comprende la Cornell University e l’Università di Buffalo.

Ce ne sono anche due Adeguata Brevetti, Entrambi si basano sul lavoro di Dias presso l’Università dell’Uruguay e sono quindi di proprietà dell’università. Le domande sono attualmente pendenti presso l’Ufficio Brevetti e Marchi degli Stati Uniti.

Questa è una grande fonte di frustrazione per Dias: Orr ha abbandonato le sue ricerche ovunque tranne che nell’unico posto dove può arricchirsi se viene assolto.

“Se il documento di ricerca contiene dati falsificati, la domanda di brevetto contiene dati falsificati”, ha affermato. Ha chiesto all’UR di rilasciare i suoi brevetti se non supportassero la ricerca di base.

In una dichiarazione, la portavoce dell’UR Sarah Miller ha affermato che l’università “sta rivalutando il rapporto dell’università con la proprietà intellettuale, i brevetti e le attività commerciali del professor Dias, e intende escludere quegli interessi la cui validità scientifica è ora in serio dubbio”. “

Tutto questo – la ritrattazione, l’offuscamento del suo nome e forse la perdita della sua cattedra – è “rumore di fondo”, ha detto Dias. Crede nella sua ricerca e nei suoi metodi ed è fiducioso che alla fine verrà scagionato.

“L’unica cosa che mi fa andare avanti è che conosco la scienza”, ha detto. “So quello che vedo….ho solo bisogno di tempo per dimostrarlo.”

-Justin Murphy è un reporter veterano del Democratic and Historical Journal e autore di “I tuoi figli corrono troppi rischi: segregazione scolastica a Rochester, New York. Seguitelo su Twitter all’indirizzo twitter.com/CitizenMurphy Oppure contattalo al jmurphy7@gannett.com.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto